legge spray peperoncino - Tools for training and personal defense

English French German Spanish Italian
English French German Spanish Italian
Vai ai contenuti
La normativa
In Italia, l’uso dello spray al peperoncino è legale esclusivamente come strumento di autodifesa per chi ha compiuto 16 anni. Infatti, ogni altro uso è vietato dalla legge e comporta responsabilità sia penali che civili.
L’articolo 3, comma 32, della Legge 94 del 15 luglio 2009 ha imposto una chiara disciplina in materia di spray e proiettori balistici a base di Oleoresin Capsicum, prevedendo l’emanazione da parte del Ministro dell’Interno di un regolamento finalizzato a stabilire le caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa, di cui all’art. 2, terzo comma, della legge n. 110, che “nebulizzano un principio attivo naturale a base di oleorisin capsicum, e che non abbiano l’attitudine a recare offesa alla persona”.
In questa ottica è stato emanato il D.M. n. 103 del 2011 che ha introdotto il “Regolamento concernente la definizione delle caratteristiche tecniche degli strumenti di autodifesa che nebulizzano un principio attivo naturale a base di Oleoresin Capsicum e che non abbiano attitudine a recare offesa alla persona” il cui art. 1, comma 1, descrive i requisiti tecnici che devono possedere gli strumenti di autodifesa previsti dalla legge n. 94 del 2009.
Anzitutto, la miscela non deve avere attitudine ad arrecare offesa alle persone ed inoltre:
  1. deve contenere una miscela non superiore a 20 ml;
  2. deve contenere una percentuale di oleoresin capsicum disciolto non superiore al 10 per cento, con una concentrazione massima di capsaicina e capsaicinoidi totali pari al 2,5 per cento;
  3. non deve contenere sostanze infiammabili, corrosive, tossiche, cancerogene o aggressivi chimici;
  4. deve essere sigillata all’atto della vendita e munita di un sistema di sicurezza contro l’attivazione accidentale;
  5. avere una gittata utile non superiore a tre metri.
L’entrata in vigore del D.M. n. 103 del 2011 ha comportato “l’enucleazione di tale sostanza come idonea, in linea di principio, a garantire l’autodifesa, però stabilendo in pari tempo le caratteristiche tecniche che debbono possedere i relativi contenitori finalizzati a nebulizzare il principio attivo naturale a base di detta sostanza per escludere ogni loro attitudine a recare offesa alla persona” (Cass. n. 8624 del 20.09.2017).
La vendita e l’uso di tale strumento di autodifesa sono consentite solo ai maggiori di 16 anni e l’utilizzo dovrà avvenire a scopo di difesa personale, nel rispetto del principio di proporzionalità che opera nel contesto della legittima difesa. Non è necessario il porto d’armi.
Che cos'è?
E’ una miscela di un estratto proveniente dalla Cayenna (la pianta del peperoncino) con acqua, glicoli ed altre sostanze chimiche. La “capsaicina” è la sostanza che rende la miscela  particolarmente urticante. Questa sostanza causa sulla persona che la subisce effetti come irritazione a occhi e bocca con abbondante lacrimazione dei primi. Lo spray è composto dall’Oleoresium Capsicum. Questa sostanza contiene un principio attivo vasodilatatorio (capsicina) che causa infiammazione, bruciore a occhi, mucose del naso e bocca. Gli effetti dello spray al peperoncino sono bruciore, tosse, lacrimazione eccessiva e duratura. Tuttavia, gli effetti dello spray al peperoncino sono assolutamente temporanei, dai 10 ai 30 minuti.
I rischi di un uso improprio
Come già spiegato, lo spray al peperoncino è unicamente uno strumento di autodifesa ma in base alle modalità d’uso può diventare un mezzo atto ad offendere.
Una recente pronuncia della Suprema Corte di Cassazione, n. 8624 del 2018, ha ritenuto che lo spray al peperoncino può essere escluso dalla categoria degli oggetti atti ad offendere di cui all’art. 4 l. n. 110 del 1975 se conforme alle caratteristiche tecniche di cui all’art. 1, comma 1, del citato D.M. e se l’uso sia esclusivamente finalizzato all’autodifesa personale. Laddove, lo spray venga impiegato come mezzo di offesa verrà applicata la normativa in tema di armi e, quindi, può configurarsi il reato di cui all’art. 4 L. 110/1975 (porto di oggetti idonei ad offendere senza giustificato motivo).
Non solo, se dall’uso possano derivare lesioni scatta anche l’aggravante di cui all’art. 585, co. 2, del codice penale. Utilizzare uno spray al peperoncino non a norma, dunque, ben potrebbe integrare il reato di getto pericoloso di cose (art. 674 c.p.) oppure quello di lesioni personali (art. 582 c.p.).
A differenza dei comuni prodotti di difesa in bombolette spray usa e getta, gli ASP Defenders sono dispositivi di dispersione altamente ingegnerizzati che utilizzano un inserto OC (oleoresina capsicum) brevettato e sostituibile. Questi inserti sono lavorati con precisione in alluminio aerospaziale e ottone massiccio e incorporano un sistema di valvole appositamente prodotto e un meccanismo di erogazione brevettato. L'intera unità è sigillata con O-ring.
La nostra formulazione "Calore" è la massima forza, OC di livello delle forze dell'ordine: 10% di oleoresina capsicum, 1,33% di capsaicinoidi principali, due milioni di unità di calore Scoville (SHU).
NOTA: gli inserti termici sono codificati con la data per garantirne l'affidabilità. Dopo la data riportata sull'inserto, deve essere smaltito in conformità con le normative ambientali della vostra zona.
IMPORTANTE: lo spray al peperoncino non può essere spedito in AK, DC, HI, MA, NY, Porto Rico o Isole Vergini o a livello internazionale. Può essere spedito in altre località solo tramite servizio via terra. Se ti trovi in ​​una zona di spedizione vietata, fai clic qui per trovare il rivenditore ASP più vicino.
Peperoncino
Peperoncino
Prodotto a base d'acqua
Prodotto a base d'acqua

REDCLAW di Roberto Risicato - PI: 10354280967 info@redclaw.it



Ho letto l'informativa sulla Privacy Policy ed acconsento al trattamento dei miei dati personali

Condizioni di vendita
Iscriviti alla newletter
Menu

Designed and developed by Roberto Risicato
Torna ai contenuti